venerdì 20 marzo 2009

TUTTE LE ERBE CHE ALZAN LA CRESTA SON BUONE PER LA MINESTRA


La primavera è tornata...anche se non si direbbe dal vento gelido, dal cielo grigio e dai 3 fiocchi di neve caduti stamattina.

In ogni caso i segni ci sono tutti: mandorli in fiore, margherite, violette...e dalle erbette selvatiche che spuntano nei campi incolti.

Questo è il periodo migliore per raccogliere le erbe spontanee.Io ho la fortuna di vivere in aperta campagna, dove queste primizie crescono ancora indisturbate. Ho imparato a riconoscerle grazie ai consigli di mia zia, di mia mamma e di una vicina. Ieri sono stata da mia nonna e "ho fatto due erbe".Queste sono quelle che ho trovato:


Ci sono i papaveri o rosolacci, che in dialetto romagnolo si dicono "al ròsli":
Ci sono poi "i scarpègn", gli scarpigni ovvero "sonchus oleraceus L", "cicerbita o crespino comune":Le bietoline: Oltre a queste c'è la senape, della quale si raccolgono le foglie giovani appena spuntate: E questa, con le foglie pelosette, di cui non conosco il nome:
Queste erbette, una volta, ai tempi della mia nonna, erano il cibo dei poveri, si mangiavano (e si mangiano ancora) con la piadina o si facevano i crescioni(o cassoni). Si possono mangiare lessate in acqua anche mescolate e bieta o spinaci per addolcirne il gusto, e ripassate in seguito con aglio e olio oppure crude, in insalata. Tritate finemente e condite con olio e sale e lasciate macerare per non meno di 30 minuti diventano il gustosissimo ripieno per i suddetti crescioni. E' vero, per raccoglierle, conciarle, lavarle ci vuole un bel po' ma ne vale assolutamente la pena!

11 commenti:

  1. che belle quest'erbette, uh!nella torta verde ligure quelle bietoline con l'aggiunta delle ultime fotografate...ciao e grazie diana

    RispondiElimina
  2. Ciao Valentina, ti chiami come mia figlia, ho letto il tuo post nella C.I. e li ti ho anche risposto con una ricettina preparata in puglia con le piante del papavero. provala è buonisisma poi mi dirai. Un bacio Rorò dilinko nel mio blog.

    RispondiElimina
  3. Buona domenica! Che voglia di andar per campi a raccogliere le erbe selvatiche. Da voi non si usano nelle torte di formaggio le foglie delle primule? Qui sì. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. da noi con queste erbe selvatiche si preparano delle pizze con acciughe dissalate, cipollotti freschi e pasta di pane preparata con strutto in occasione della Pasqua...
    Il post è veramente interessante ed istruttivo.
    grazie

    RispondiElimina
  5. #Diana: Ciao! Buono a sapersi! Quante cose si imparano

    #Rorò:Grazie carissima!Proverò la tua ricetta

    #Bosina:Ciao!Non conosco quest'uso delle foglie di primula...interessante

    #Roberto: Grazie gentilissimo! Bella ricetta!adoro le pizze

    RispondiElimina
  6. fantastico! un'altra amante dell'argomento "erbe e dintorni"... tornerò a trovarti spesso! :D

    RispondiElimina
  7. #Elisabetta: Ciao!Sei la benvenuta

    RispondiElimina
  8. NEL TITOLO DREL TUO POST DICI CHE TUTTE LE ERBE CHE ALZANO LA TESTA SONO BUONE PER LA MINESTRA, COSA INTENDI NELLO SPECIFICO????, BACI MIKA

    RispondiElimina
  9. Ciao Valentina, bravissima...hai postato le immagini delle erbe selvatiche commestibili!!!!
    Grazie!!!! grazie!!!!voglio imparare a riconoscerle!!!

    RispondiElimina
  10. ciao quell'erba con le foglie pelose da noi in romagna si chiama(spragnla) è buona da mischiare con altre erbe cuocere lessate poi passate in padella con aglio e oglio.E' un buon mangiar sano!!!!!

    RispondiElimina
  11. ho la fortuna di abitare in campagna con un po di terreno e anche oggi ho raccolto gli scarpigni cotti lessati poi passati in padella con aglio un po di oglio due patate lessate un po di rosmarino mischiare e cuocere per 10 minuti.Una leccornia!!!!!

    RispondiElimina

Fatemi sapere la vostra su quello che combino!Sono disponibile per domande, critiche e chiarimenti.